Roscòn de Reyes

by delia

Il Roscòn de Reyes è il dolce tipico che si mangia in Spagna la mattina del giorno dell’Epifania.
In Spagna i doni natalizi li portano “los Reyes Magos” ovvero i Re Magi e pare che proprio nell’attesa dei regali si mangi questa soffice brioche con la panna montata oppure con la crema.

La storia di questo dolce, in realtà, risale a molti secoli fa, durante i Saturnali in epoca romana. Pare, infatti, che queste torte a forma di ciambella si distribuissero tra i plebei e gli schiavi ed all’interno si inserisse una fava: chi trovava quella fava, diventava “re” per un giorno.
Ancora oggi, in Spagna, questa tradizione viene mantenuta con una variazione: chi trova una fava all’interno del dolce paga il roscòn oppure il pranzo a tutti mentre chi trova il regalino diventa “Re” per un giorno.

Inutile dire che questa storia mi ha subito colpita per la sua particolarità, poi ho pensato alla mia amica Isita: lei vive in Italia ed è molto legata alle sue tradizioni, così ho pensato di fare questo dolce proprio oggi che è il 6 gennaio.

Vista la sua bontà e la sua storia mi sa che diventerà un dolce della tradizione anche per me 😀

Questa è un altro aspetto della cucina che amo moltissimo: imparare a conoscere le tradizioni di un Paese anche attraverso i piatti tipici.
Della Spagna, poi, sono innamorata da anni.
Oltre ad avere qui un’amica spagnola, la Spagna è un Paese dove sono stata diverse volte come turista e dove ho vissuto, seppur per un breve periodo, con il mio compagno.

Ascoltare una persona parlare in spagnolo è come sentire una canzone bellissima e la cucina, poi, è super!
Ci sono dei prodotti buonissimi e dei piatti eccellenti: il lechazo (piatto tipico della regione Castiglia e León) che ho avuto modo di assaggiare a casa di Isita, fatto dal papà, super squisito! Il solomillo al roquefort, i vari tipi di jamòn, la tortilla spagnola (di cui vorrei apprendere i segreti dal papà di Isita che la fa benissimo) las croquetas, las gambas al ajillo con pimiento rojo, la paella etc etc.

Spero che questo dolce vi sorprenda come ha sorpreso me 😋


Roscòn de Reyes

Persone: 12 persone Preparazione: Cottura:
Nutrition facts: 200 calories 20 grams fat

INGREDIENTI

  • 600 gr di farina manitoba
  • 100 gr di burro (morbido)
  • 250 ml di latte (a temperatura ambiente)
  • 100 gr di zucchero
  • 10 gr di lievito di birra fresco (o 25 gr per una lievitazione breve)
  • 2 uova (a temperatura ambiente)
  • un pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di miele di acacia o millefiori
  • 1 fiala di aroma di fiori di arancio (2 ml)
  • la buccia di 1 arancia grattugiata
  • la buccia di 1 limone grattugiata
  • 1 cucchiaino di aroma di vaniglia

Per la decorazione:

  • 1 tuorlo d'uovo + un poco di latte
  • q.b. di mandorle a lamelle
  • q.b. di granella di zucchero
  • q.b. di frutta candita (io non l'ho messa perché non la gradisco)

Per la farcitura:

  • 500 ml di panna fresca liquida
  • 50 gr di zucchero a velo

ISTRUZIONI

Operazioni preliminari:

  1. Preparare il mix di aromi in modo che si insaporiscano per bene. In una ciotolina mescolare il cucchiaino di miele con la buccia di arancia grattugiata, la buccia del limone grattugiata, il cucchiaino di vaniglia e la fiala di aroma di fiori di arancio lasciare riposare per il tempo del lievitino coperta da una pellicola.

    Preparazione del lievitino:
  2. In un pentolino fate scaldare leggermente 120 ml di latte preso dal totale (deve essere tiepido, se avete un termometro non deve superare i 35 gradi altrimenti provate ad immergere il mignolo nel pentolino per controllare che sia tiepido).
  3. Sbriciolate il lievito all'interno del pentolino e girate con un cucchiaino per farlo sciogliere.
  4. Aggiungete un cucchiaio di zucchero preso dal totale e mescolate bene per far sciogliere lo zucchero.
  5. Prelevate 120 gr di farina dal totale e metteteli in una ciotola. Aggiungete poi il latte con il lievito e lo zucchero e mescolate con un cucchiaio.
  6. Coprite il lievitino con una pellicola e lasciatelo riposare un'ora.

Preparazione dell'impasto:

  1. Dopo un'ora inserite nella planetaria il latte rimanente (a temperatura ambiente) le uova, lo zucchero, il mix di aromi, la farina restante ed il lievitino che, nel frattempo, sarà raddoppiato.
  2. Montate il gancio K o a foglia* (vedi note) ed iniziate ad impastare tutto insieme a velocità minima.
  3. Quando l'impasto inizia a staccarsi dalle pareti, montate il gancio a spirale.
  4. Iniziate a lavorare l'impasto sempre a velocità minima finché non vedete che inizia ad incordarsi. Adesso procedete ad aggiungere il burro a pezzetti, un po' alla volta, aspettando che il precedente sia assorbito prima di aggiungere il successivo.
  5. Aumentate la velocità ad 1 o comunque una tacca in più rispetto al minimo e procedete così fino a che l'impasto non risulta incordato (deve essere liscio, omogeneo e staccarsi bene dalle pareti). L'impasto è incordato quando, tirando un pezzetto, la pasta forma un velo
  6. Trasferite l'impasto ben incordato sul piano di lavoro e formate una palla. Ponete l'impasto in una ciotola e coprite con pellicola.
  7. Fate lievitare l'impasto per almeno 3/4 h se optate per una lievitazione breve. Altrimenti un'ora a temperatura ambiente e 12 h in frigo. Il giorno seguente togliete dal frigo l'impasto, versatelo sul piano di lavoro, coprite con una ciotola e fategli riprendere la temperatura prima di maneggiarlo (ci vorranno circa 2 h).
  8. Trascorse le 2 h formate una palla e lasciate lievitare ancora per un paio di ore.  Nel caso della lievitazione breve passate al passaggio successivo.

Formazione della ciambella:

  1. Con le mani leggermente infarinate, fate un buco al centro della palla ed allargatelo il più possibile (considerate che con la seconda lievitazione e con la cottura il buco si restringerà). Io mi sono aiutata con un coppapasta per mantere il buco durante la seconda lievitazione.
  2. Ponete la ciambella su una teglia, coperta da carta da forno, e lasciate lievitare nel forno chiuso, riscaldato leggermente, coprendola con un panno pulito per 1 h.
  3. Togliete la ciambella dal forno, preriscaldate il forno a 180 gradi, e procedete con la decorazione.
  4. Spennellate la superficie della ciambella con un tuorlo ed un poco di latte. Aggiungete le mandorle, la granella di zucchero ed i canditi se li gradite. Aggiungete, se volete, la fava sotto l'impasto 😉.
  5. Raggiunta la temperatura del forno, infornate la torta e lasciate cuocere per circa 30 minuti**, in ogni caso fino a doratura della superficie.
  6. Lasciate raffreddare la torta e, nel frattempo, ponete nel freezer la ciotola e le fruste con cui monterete la panna.
  7. Una volta fredda, tagliate la torta a metà.

Preparate la panna montata per la farcitura:

  1. Montate la panna ben fredda nella ciotola precedentemente messa in freezer (ci vorranno circa 20 minuti). Procedete prima a velocità bassa, facendo roteare le fruste e poi man mano aumentate di poco la velocità per far incorporare bene l'aria e montarla bene.
  2. Una volta montata bene (deve essere bella soda) aggiungete lo zucchero a velo e mescolate piano con le fruste elettriche per amalgamarlo.
  3. Farcite la torta con una sac a poche oppure con il cucchiaio e servite.

Buona Epifania a tutti 😄

NOTE

* Potete impastare con le mani, non l'ho fatto ma se vi armate di pazienza ed olio di gomito è sicuramente possibile 💪 Magari potete dimezzare le dosi per farne una più piccola e sforzarvi meno.

**Anche qui regolatevi in base al vostro forno e fate sempre la PROVA STECCHINO.

Hai fatto questa ricetta?
Ti è piaciuta? Taggami su Instagram @delilicious13

Potresti essere interessato a

Lascia un Commento